'Before the Flood – Punto di non ritorno!'

by Cristina Lefter

27 May - 21 June 2018 | JRC Club House

Description

Born in Moldavia on the 27th of April 1976, under the Russian communist regime. Lefter began painting at the tender age of 5. At age 10, she attended a private art school and soon afterwards Lefter moved with her family to Bucharest, Romania where she eventually acquired the Romanian citizenship. She began an intensive study of art by enrolling at the Artistic Lyceum of Iasi in Romania and successfully being accepted into the Fine Arts Academy of Iasi. Lefter's art school preparation formed a solid academic base. Her artistic values are instilled with a constant research for beauty, harmony, synergy and balance. Lefter passionately reflects on the idea of past and future as a mean of comparison and contrast, giving way to a spiritual interaction of respect for these intangible concepts. Painting and creating have always been gestures of liberation from the past, while endorsing the future based on renewal as a possibility to instinctively reveal herself to her art publicly.

In 2000, Lefter became a member of the Union of Artists of Romania. The dilemma of being brought up in a dictatorial communist state, even at the onset of the new millennium, put Lefter in contrast with decades of a mind-set that didn't fully comprehend the concept of complete individual artistic freedom and pluralism, which Lefter so truly cherishes. In 2002, at the age of 25, she moved to Italy, choosing the region of Veneto. Settling in Padova, she felt a sentimental yearning to explore her Italian heritage. The overwhelming cultural patrimony of the Venetian region and Italy as a whole is a continual and inexhaustible source of inspiration for the artist. Cristina Lefter arrived in Milan in 2008, where she found her new home and artistic base, being also part of city's cultural community.

Coloured enamels are highly preferred by Lefter because they represent a creative being while seemingly possessing a stand out chemical personality. Lefter is able to deftly control, mix and dominate various colours in an extremely convincing manner.

The "dripping" process of Jackson Pollock's abstract expressionism is interpreted in Cristina Lefter's work as figurative "dripping". The enamels that she uses, at first, drip slowly on the canvas in such an undefined way that they seem incomprehensible, while the materials take life in a spontaneous and continual mutation.

Her painting style is free of any scheme, form or pre described model, immediate in its execution and spontaneous in its realisation, yet manifesting forms of the human body. Colours can be laid out on the canvas in an exaggerated and disproportioned brush stroke movement or naively splashed or contrastingly laid on violently. This style of painting demands that the canvas is positioned horizontally whereas a vertical position can imply dynamism and movement. This implicit mood of chaos is also perceived in her colour selections.

The incessant dribbling of colour crystallize into form while expressing Lefter's spirit. The abstract expressionist drippings so representative of Jackson Pollock and the physicality of his "action painting" is a key component of the DNA of Cristina Lefter, whose body gestures towards her canvases are actively instinctive but hardly casual. The results of this artistic passion demonstrates how her canvases are materially unique. Lefter's colour compositions reveal dazzling displays of perspective in landscapes, forests and metropolitan skylines. Cristina Lefter's skills, competence and mastery of various painting techniques allows her to choose countless avenues of new artistic projects.



Kevin McDonald, Before the Flood – Il punto di non ritorno!

Paolo Manazza

Without the colours we'd be dead. At least all of us who live in the city. And of course, on foot, we pass through the intersections regulated by traffic lights. We would certainly be sadder. Or maybe the habit of monochrome - the modular range of greys between black and white - could be a mode that could even be adapted to joy? The question, as well as complex, is infinite. Centuries of studies, thousands of essays and research have examined the question on multiple levels of meaning. From physiology to quantum mechanics. From psychology to theology. What the hell is color? The question is inevitable in the face of Lefter's paintings.

Kevin McDonald

Before the Flood! The cry of the artist inspired for years by some recurring themes: The Human Being and Nature - a combination of birth and destruction, life and death. If Nature is the matter of life, the human being is the agent that triggers the reaction. A continuous mutation, the Beginning and the End at the same time. If nature changes, the human being changes as well. Certainly not a simple and linear process. But today we are threatened by modernity and deforestation in order to make handkerchiefs out of cellulose pulp. The promised land is what the artist would like to highlight by constantly walking through her artistic path with her imaginary glimpses of uncontaminated natural landscapes, but just a step away from being contaminated... Plastic has not spared even the most remote areas of the planet, those that until now have been considered uncontaminated, the surface occupied by the glaciers has been drastically reduced due to global warming. This is a publicity event for those who observe her works made with the technique of “dripping".

Before the Flood - Point of no return! Exactly in the title of the exhibition there is an imperative for those who are not looking for the second chance. A succession of images with a naturalistic subject, re-proposed almost as a subliminal message for a reference to nature and some values on the verge of extinction. There are no margins of uncertainty, we can't err, the cry of the artist in seeking the perfect balance between the created and the creator.

For Cristina Lefter, a cycle of 30 large works and an installation become an imaginary process of reconciliation between man who populates the earth and nature.

With the installation "Homage to Constantin Brancusi", Cristina Lefter paid tribute to Brâncuşi, proposing her own version of the Table of Silence. Her table is a table of celebration and joy, in which she remembers not only the supreme and refined sculptor in the center of the work, but also other significant Romanian personalities, one for each seat. Here then, perfectly recognisable, the doctor Nicolae Paulescu, the philosopher and anthropologist Mircea Eliade, the philosopher Emil Cioran, the singer Maria Tanase, the poet and writer Mihai Eminescu, the musician, composer and conductor George Enescu. A table of memory, like that of Brâncuşi in relation to the traditional and peasant heritage, which is now charged with a new and vital cultural lifeblood, thanks to Romanian intellectuals and scholars and their contribution to world history. The table with the six stools becomes a liveable installation for its lightness, given the modern materials used by the artist (polyester, resin, plywood and iron) and therefore it is also on a human scale for the fact that anyone can interact with it.

Descrizione

Nata in Moldavia, il 27 aprile 1976, nel pieno regime comunista russo, cominciò a ricercare e dipingere dal età di 5 anni. La sua prima scuola d'arte privata la frequenta all'età di 10 anni. Di conseguenza poi si trasferisce con la sua famiglia in Romania, a Bucarest. Comincia i suoi studi approfonditi del arte iscrivendosi al Liceo artistico di Iasi, poi all'Accademia di Belle Arti, a Iasi, in Romania, dove acquisisce anche la cittadinanza. Le scuole d'arte le hanno dato una formazione accademica, ma dalla vita ha appreso la scuola dei grandi valori, come: la costante ricerca del bello, dell'armonico, della sinergia, del equilibrio, del interagire e del confronto con il passato rispetto a ciò che potrebbe essere il futuro. Dipingere e creare sono stati sempre dei gesti di liberazione per lei da un passato che ha privilegiato il nuovo dandole la possibilità di emergere istintivamente e raccontare se stessa. Nel 2000 diventa membro dell'Unione degli Artisti di Romania.

Si trasferisce in Italia nel 2002, al età di 25 anni, quindi dopo una dottrina dittatoriale dove la libertà di esprimersi veniva oppressa, viene a imbattersi qui in delle problematiche artisticamente da lei fino ad allora ignote. Lasciare libera la parte istintiva! Gli smalti sono i colori che predilige, perché per lei sono un altro "essere creatore", per la loro spiccata personalità chimica, per cui riuscire a controllare, mischiare e domare ogni colore in parte è incredibilmente vincente.

Il "dripping" del espressionismo astratto di Jackson Pollock, si trasforma nei lavori di Cristina Lefter in un "dripping" figurativo. Gli smalti utilizzati dall'artista colano sulla tela in un modo talmente indefinito da sembrare incomprensibile, ma al contempo ciò che nasce prende forma, prende vita, istantanee in un continuo mutamento.

Con la tela in orizzontale e i barattoli di smalto in mano Cristina Lefter è pronta all'attacco, è pronta all' "action painting". Viene definita "action painting" (in italiano pittura gestuale oppure tradotto alla lettera pittura d'azione), una pittura libera da qualunque schema, da qualsiasi forma o modello precostituito, immediata nella sua esecuzione, spontanea, nella realizzazione della quale prende parte qualsiasi organo del corpo, come braccia, gambe, piedi, naso, gomiti, ecc.

Il colore può essere steso anche con un pennello esageratamente sproporzionato, essere schizzato con un qualsiasi mezzo sulla tela o addirittura sbattuto violentemente contro di essa. Per questo genere di pittura è necessario tenere la tela in posizione orizzontale, ma si può anche metterla in verticale ed in posizione dinamica, cioè di movimento. Tutto è dato al caso, anche la scelta del colore.

Il colore sgocciola e va a creare delle forme che esprimono il suo spirito.

Il dripping ( colatura) espressionismo astratto annovera tra i massimi rappresentanti Jackson Pollok. Attraverso "l'action painting" ( così definita nel gesto del corpo sulla tela, istintiva ma non casuale) Cristina Lefter riesce ad ottenere un risultato materico unico.

I colori regalano degli scorci stupefacenti.Dai boschi ai paesaggi, a skyline di citta metropolitane. L'evoluzione e la padronanza di tutte le tecniche pittoriche della Lefter permettono all'artista di scegliere percorsi e progetti nuovi.

All'inizio degli anni duemila sceglierà il Veneto e l'Italia alla ricerca dei propri antenati di origine padovane. La culla dell'arte è la fonte di innumerevoli ispirazioni.

Approda a Milano nel 2008 per restarci e vivere da protagonista.



Before the Flood – Punto di non ritorno!

Paolo Manazza

Senza i colori saremmo morti. Almeno tutti noi che viviamo in città. E ovviamente, a piedi, passiamo per gli incroci regolati dai semafori. Saremmo certamente più tristi. O forse l’abitudine alla monocromia -alla modulabile gamma dei grigi tra il bianco e nero- riuscirebbe a costituirsi come una modalità adattabile persino alla gioia? La domanda oltre che complessa è infinita. Secoli di studi, migliaia di saggi e ricerche hanno sviscerato la questione su molteplici livelli di senso. Dalla fisiologia alla quantistica. Dalla psicologia alla teologia. Cosa diavolo è il colore? Il quesito è inevitabile di fronte ai quadri della Lefter.

Kevin McDonald

Before the Flood - Punto di non ritorno! Il grido dell’artista ispirata per anni da alcuni temi ricorrenti: L’Essere umano e la Natura – un Insieme della nascita e della distruzione, della vita e della morte. Se la Natura è la materia della vita, l’Essere umano è l’agente che scaturisce la reazione. Una mutazione continua, l’Inizio e la Fine nello stesso momento. Se la natura muta, l’Essere umano muta pure. Non certo un processo semplice e lineare. Ma oggi siamo minacciati dalla modernità che disbosca le foreste per farne fazzoletti con la polpa di cellulosa.

La terra promessa è ciò che l’artista vorrebbe mettere in evidenza percorrendo perennemente durante il suo percorso artistico con le sue vedute immaginarie di scorci naturalistici non contaminati, ma ad un passo dal esserlo… La plastica non ha risparmiato nemmeno le zone più remote del pianeta, quelle che fino a oggi sono state ritenute incontaminate, la superficie occupata dai ghiacciai è andata drasticamente riducendosi a causa del riscaldamento globale. Una manifestazione quasì pubblicitaria per chi osserva le sue opere eseguite con la tecnica del “dripping”.

Before the Flood - Punto di non ritorno! Esattamente nel titolo della mostra vige l’imperativo per chi non cerca le seconde chance. Un susseguirsi di immagini dal soggetto naturalistico, riproposte quasi come un messaggio subliminale per un richiamo alla natura e ad alcuni valori in via di estinzione. Non esistono margini di incertezza, non possiamo sbagliare, il grido dell’artista nel cercare l’equilibrio perfetto tra il creato e il creatore.

Un ciclo di 30 opere, di grandi dimensioni ed un’istallazione diventano per Cristina Lefter un processo immaginario di riconciliazione tra l’uomo che popola la terra e la natura.

Con l’istallazione “Omaggio a Constantin Brancusi”, Cristina Lefter ha reso omaggio a Brâncuşi, proponendo una propria versione del Tavolo del Silenzio. La sua è una tavola di festa e di gioia, in cui si ricorda non solo il sommo e raffinato scultore nel centro dell'opera, ma anche altre significative personalità rumene, una per ogni seduta. Ecco allora, perfettamente riconoscibili, il medico Nicolae Paulescu, il filosofo e antropologo Mircea Eliade, il filosofo Emil Cioran, la cantante Maria Tanase, il poeta e scrittore Mihai Eminescu, il musicista, compositore e direttore d'orchestra George Enescu. Una tavola della memoria, come quella di Brâncuşi nei confronti dell'eredità tradizionale e contadina, che ora si carica di nuova linfa vitale e culturale, grazie agli intellettuali e agli studiosi rumeni e al loro contributo per la storia del mondo. Il tavolo con i sei sgabelli diventa istallazione vivibile per la sua leggerezza, dato i materiali moderni utilizzati dall’artista ( poliesterolo, resina, cartone compensato e ferro ) e quindi è anche a misura d’uomo per il fatto che chiunque può interagire con essa.

  • Date: 27 May - 21 June 2018
  • Location: JRC Club House